Mese: gennaio 2014

Quando uno è scontento

Ma è difficile , quando uno è scontento, che non attribuisca la propria scontentezza a qualcun altro, e proprio alla persona che gli è più vicina.

( Lev Tolstoj, Anna Karenina, traduzione di Pier Cesare Bori, 1877, collana la repubblica, 2004, pag.575)

Tutta l’infelicità: riflessioni intorno al viaggio della terapia psicoanalitica

Tutti gli individui felici sono simili , ma ogni individuo infelice è infelice a modo suo, potremmo affermare parafrasando Tolstoj.

In effetti quello che succede nella stanza di terapia è  di volta in volta, ad ogni seduta,  unico e irripetibile.

E’ dell’infelicità comune, condivisa, necessaria, inevitabile oppure inutile  che si occupa il rito della psicoterapia. Come tutti i riti ( un incontro tra due persone in una stanza per circa un’ ora alla settimana, oppure ogni due-tre giorni  rappresenta uno dei riti sopravissuti alla modernità) può sclerotizzarsi diventando un  contenitore vuoto , guscio  senz’anima  oppure  mantenersi  spazio vivo e  appassionato.


Spesso si sente dire che parlare sia una perdita di tempo ed è interessante come il lavoro di introspezione psicologica si fondi proprio su questo principio antieconomico per rendere il presunto  spreco di tempo un’ avventura durante la quale si possono scoprire aspetti di sé sorprendenti , mai visti perché negati , ripudiati o rifiutati.

Se la parola d’ordine del mondo globalizzato è spostati in continuazione e non farti coinvolgere la terapia psicoanalitica  rovescia proprio questo assunto invitando  la persona a fermarsi e a lasciarsi coinvolgere dentro un rapporto.

L’essenziale di questo percorso risiede non nel guarire dai sintomi (c’ è anche questo e non è irrilevante) ma in un lento , che a volte può sembrare  lentissimo processo di trasformazione interiore  dove la persona evolve, si sviluppa, cresce, come può farlo  una pianta,  un albero , ramificando verso direzioni inesplorate , imprevedibili.

Una domanda frequente è quanto può durare una terapia ed è abbastanza difficile rispondere, perché all’inizio non si sa esattamente dove  si andrà e che cosa accadrà, ma la frequenza con cui ci si vede non è irrilevante, alcuni pazienti si fermano perché non sopportano la frustrazione di avere la sensazione momentanea che non accada subito qualcosa , altri sentono che sono  arrivati al punto  in cui desideravano arrivare, altri ancora sono determinati a spingersi più avanti impegnandosi  nello sforzo comune di  sbloccare le difese più profonde.

La conoscenza intellettuale, una maggiore padronanza di sé non basta per definire se stessi, mentre invece può servire  il  lasciarsi attraversare da emozioni mai provate prima o poco tollerate , vivere sentimenti  e formulare pensieri nuovi : Kohut ad un certo punto della sua vita scrisse che la meta della terapia  psicoanalitica fosse “l’accrescimento della struttura psichica”.Ciò che accomuna il paziente e il terapeuta è semplicemente cercare di essere delle persone sincere al maggior grado possibile e l’amore per la verità e la cultura di cui siamo costituiti  e da questa base muoversi pazientemente e curiosamente verso qualcosa che non si può né calcolare né misurare facilmente.

Il video è tratto da una sequenza del Film “ Improvvisamente l’estate scorsa”tratto  dal dramma di Tennesse Williams in cui all’inizio un affascinante Katharine Hepburn chiede al clinico Montgomery Clift  di occuparsi di sua nipote (una giovanissima  Elisabeth Taylor) sequenza in cui viene pronunciata la famosa frase “  quello che ci coinvolge ci riguarda personalmente “.

Buon 2014

Un caloroso augurio di un anno ricco di sogni. Sogni durante il sonno, ad occhi aperti, nel cassetto da realizzare……..